Into the wild…Alaska!

Into the wild…Alaska!

Se siete amanti della natura, dei paesaggi incontaminati, dei boschi e dei ghiacciai il posto giusto è l’Alaska. Periodo migliore per andare da metà giugno a metà luglio quando le giornate sono più calde, massimo 22° e lunghissime, il sole non tramonta mai…e questo è anche un problema visto che con la luce del giorno non si riesce a dormire, chi ha il sonno leggero o dorme solo con il buio completo potrebbe avere problemi di insonnia. (Vedi film omonimo con Al Pacino!!)

Dall’Italia si arriva ad Anchorage dopo circa 24 ore di volo perchè gli scali sono almeno 2 ed il costo del biglietto aereo non è bassissimo, idem il costo degli alberghi in quanto “vivendo” il turismo solo sei mesi l’anno come molti paesi del nord i prezzi sono alti, ma se volete scappare delle città affollate e piene di smog qui troverete silenzio e tranquillità. Una cosa che mi ha colpito subito è stato il cielo, non so se qualcuno è mai andato verso i Poli, con più ti avvicini con più il cielo sembra basso e toccabile con un dito, le nubi sembravano proprio sopra le nostre teste…stranissimo!!

Le città sono caratteristiche sembrano per lo più paesini di pescatori e le strade, a parte la principale che è un circolo che passa per il Denali National Park, sono sterrate o non del tutto asfaltate, quindi vi consiglio di noleggiare un fuoristrada se volete vedere le zone più remote.

Per vedere il Denali National Park si deve obbligatoriamente usufruire del trasporto con bus in quanto non è consentito entrare con la propria auto. Il bus fa il giro di tutto il parco arrivando fino a 3000mt dove c’è una specie di rifugio e da dove si può vedere la vetta del Monte McKinley con i suoi oltre 6000mt. Durante il tragitto abbastanza impervio lungo strade a strapiombo l’autista ti esorta a dire stop ogni qual volta si scorge un animale quindi diventa una specie di gruppo turistico che ad ogni sasso o cespuglio che assomiglia ad un orsoo ad una volpe grida STOOOOPPP!!! Ci si ferma e si fanno foto…tuttosommato divertente.

Proseguendo lungo la strada si arriva a Fairbanks e si costeggia il Tanana River dove si possono trovare miriadi di pescatori che immersi fino a metà gamba pescano salmoni enormi, mai visti così grossi, quindi se siete amanti della pesca qui vi troverete sicuramente in paradiso…attenzione agli orsi però!! Attenzione anche alle zanzare, molto più pericolose degli orsi!! Quando prima di partire mi hanno detto che in Alaska c’erano le zanzare non avevo dato peso alla cosa perchè si da per scontato che siano insetti da clima caldo…e invece no…l’Alaska in estate è piena di zanzare e sono addirittura “pellucciate” per resitere al clima. Sono tremende in una notte mi hanno beccato in 43 punti. L’unico repellente utile è quello che vendono nei negozi di pesca a base di petrolio…di sicuro non sano, ma efficace!

Terminato il giro interno ci si sposta sulla costa a Seward da dove partono i tour per i ghiacciai che arrivano a ridosso del mare. Noi abbiamo preso il catamarano della Glacier Express per il tour nel Kenai Fjords National Park che dura tutta la giornata e si inoltra nei fiordi fin sotto ai ghiacciai. Qui il paesaggio è veramente suggestivo, acque calme, nessun rumore se non il ghiaccio che si rompe e cade nel mare ed il “vociare” di foche che si riposano su blocchi galleggianti…finchè siete in tempo, prima che tutto si sciolga, andate a fare un giro in Alaska….costoso ma valido…a presto con altre mete selvagge!

Fabia e Simone

Articoli correlati

Lascia un commento

Montagna x