Maya, Playa e Burritos…vamos amigos!

Maya, Playa e Burritos…vamos amigos!

E stasera torniamo in Messico però nella parte est, penisola dello Yucatan.

Premetto che ci sono andata taaaaantiiii ma taaaanti anni fa quindi sicuramente qlcs sarà cambiato ma le rovine maya, la spiaggia e il cibo sono quelli da sempre quindi qlc suggerimento ve lo posso dare.

Prima di tutto siamo atterrati a Cancun che secondo me non vale la pena di visitare visto che è una brutta copia di Miami, congestionata dal traffico e piena di grattacieli….quindi  noleggiate subito un auto e dirigetevi verso l’interno, i giorni di mare fateli alla fine per rilassarvi prima del rientro. Noi siamo partiti un pò all’avventura in quanto a parte la prima notte non avevamo prenotato nulla e ci siamo affidati alla guida della lonely planet…fortunatamente è andato tutto bene e siamo stati in posti bellissimi, ma come ho detto è stato tanto tempo fa quindi forse non era ancora una meta così gettonata perciò voi non fatelo, studiatevi il percorso e decidete le tappe in anticipo.

I posti da visitare oltre alla città di Merida, molto carina in stile coloniale con palazzi colorati e una piazza centrale piena di vita, sono:

Chichen Itza il sito archeologico Maya forse più famoso dove svetta la piramide El Castillo costituita da gradoni che portano in cima al tempio. Oggi non è più possibile salire fino alla sommità ed è un peccato perchè dall’alto si poteva vedere la foresta circostante e le rovine che circondano il sito. Impressionante il fatto che una volta in cima se guardi verso il basso non vedi i gradini tanto sono stretti e sembra di essere sospesi nel vuoto…la discesa è stata abbastanza impegnativa fatta gradino per gradino a sedere per non rischiare di cadere…proprio a causa di incidenti gravi è stato proibito l’accesso. Oltre alla Piramide c’è il campo della pelota, dove due squadre all’interno di un campo costituito da muri nei quali sono incastonati anelli di pietra dovevano far entrare una palla senza farla cadere…pena la morte! E il Tempio dei Guerrieri anche questa una piramide circondata da colonne raffiguranti guerrieri.

Uxmal altro sito archeologico dove possiamo trovare anche qui una piramide , il campo da gioco della pelota ma anche il Quadrilatero delle Monache che nonostante il nome era usato come edificio di rappresentanza grazie alle ricche decorazioni e la Casa delle Tartarughe.

Coba, sito archeologico in mezzo alla foresta, molto bello un pò lasciato andare e meno turistico degli altri ma più selvaggio, qui la piramide si può scalare essendo meno ripida ma di gran effetto una volta in alto…mentre passeggiate all’interno della foresta fate attenzione a non soffermarvi su cumuli di terra…sono formicai di formiche rosse che mordono!! Lo abbiamo scoperto di persona!!

Lungo il percorso potete imbattervi in indicazioni di Cenote…non sono altro che grandi grotte di origine calcarea piene d’acqua dove ci si può tuffare e fare un bagno circondati da vegetazione…provateli…se sapete nuotare!!!

Finendo il giro dei siti archeologici si arriva a Tulum qui la piramide è a strapiombo sul mare ed il panorama è spettacolare.

Gli ultimi giorni di vacanza passateli in relax sulla spiaggia…noi dormivamo in un hotel a Playa del Carmen ma la giornata la passavamo a Xacel, una spiaggia privata qualche km a sud dove vanno le tartarughe a deporre le uova. Tanti anni fa non era molto conosciuta…oggi forse più inflazionata ma bella comunque. Se poi avete bambini vi consiglio di portarli al Parco di Xcaret dove ci sono molte attrazioni e giochi da fare in mezzo alla natura e alle iguane!!

Per il mangiare…non faccio testo adoro il cibo messicano dai burritos alle tortillas, alla sopa de frijoles e la guacamole…mmmmmm buooonooo, lungo la Avenida 5 potete trovare di tutto e acquistare colorati souvenir, se poi durante la giornata volete bere qualcosa di sano e rinfrescante andate al 100% Natural un posticino carino che fa frullati di frutta e cibi deliziosi.

Noi siamo andati ad agosto che non è proprio il periodo migliore in quanto è la stagione umida e più o meno tutti i giorni un acquazzone lo fa ma per chi può andare in ferie solo in quel periodo non c’è altra scelta…la vacanza è stata comunque bella e rilassante.

Se non vi ho fatto venire voglia di andare ad esplorare lo Yucatan e il Quintana Roo con le bellezze descritte beccatevi sto video di Luis Miguel (ve lo ricordate a Sanremo con “Noi ragazzi di oggi”) e i Mariachi magari sarete più ispirati…. ahahahahahah!!!

P.S. Le foto sono tutte di repertorio visto che l’era digitale era ancora fantascienza!!

Fabia e Simone

Articoli correlati

Un pensiero su “Maya, Playa e Burritos…vamos amigos!

Lascia un commento

Montagna x